Sergio Mazzanti – Serio Ludere

Mazzanti2
Titolo: Serio Ludere

anno: 2008-2009-2011

tecnica: videoarte, pittura, ambientazione

Un percorso fra giocattoli generazionali riconoscibili, rompicapi attraenti, dipinti e collage enigmatici, proiettano nell’immaginario infantile. Ma i sogni e le attese si scontrano con i muri disincantanti del fattuale, delle false libertà, dei bisogni e dei modelli massificati e indotti.

In una favola violata dal disagio pre-conscio di un tradimento subito, si apre l’ambientazione “Serio Ludere” di Sergio Mazzanti, itinerario critico nella condizione femminile, sul doppio binario parallelo del percepito individuale e del sistemico-universale.

Un “ludere” estremamente “serio”, sui compromessi impossibili, e che esordisce con il tempio effimero sorretto da barbie-vestali: cliché della bellezza a “una dimensione”. Secondo step i cubi con acqua riflettente e su cui oscilla il “castello di sabbia”, adagiato sulla testa di bambola dal volto oscurato da uno strofinaccio da cucina, ma ancora attratta da ninfee idilliache. Speculare: l’isola della felicità che in realtà ha forma fallica dominante ed è custodita da un uomo-guardiano, dall’identità irrisolta fra il principe e il dittatore. Atto finale: i dipinti collage, con vestitini candidi, “la seconda pelle” portavoce dell’esistito, sotto un aereo ricorrente e roteante.

Attualmente residente a Carrara, Sergio Mazzanti nasce a Pontedera (PI) nel 1952. Inizia la formazione presso l’Istituto d’Arte Passaglia di Lucca e già alla fine degli anni ‘70 realizza le prime istallazioni. Prosegue con performance, video, interventi su tematiche di forte impegno sociale.

Elena Capone