Emanuele Cazzaniga - In che mani siamo?

Aione2

titolo: In che mani siamo?
anno: 2010/2011
tecnica: installazione

dimensioni: 2 m x 2m x 2,50 m di altezza

La condizione umana contemporanea, in una riflessione critica diretta a provocare un frammento di “esistenza consapevole”, nell’installazione esperienziale “In che mani siamo?”, firmata da Emanuele Cazzaniga.

Il poeta dei metalli ri integrati, sperimentatore della forma, realizza un grande cubo di reminiscenza kafkiana, accessibile da un’apertura laterale, all’interno del quale la stessa linearità geometrica “ricrea una dimensione razionale”. E si aprono verso lo spettatore le due mani in gesso, la scultura dominata dal quesito collettivo universale: “In che mani siamo?” (riproposto all’esterno in lingue diverse).

Prima di abbandonare l’altare minimalista della “ragione”, l’artista invita il visitatore a lasciare la propria riflessione libera sui fogli di carta o anche inviare una mail successivamente all’indirizzo indicato. Così l’opera estende il suo significato nello spazio-tempo.

Emanuele Cazzaniga, nasce a Tortona (AL) nel 1964. Compie gli studi a Milano ed inizia la propria attività creativa e professionale nei territori della grafica e del design. Dal 1996 vive e lavora stabilmente in Toscana, con sede presso il Castello di Montegemoli (PI), nell’atelier d’arte “Aione”.

Elena Capone